Randonnée dell’Alto Bradano 2024

La Randonnée dell’Alto Bradano, insieme al Trofeo dell’Aglianico del Vulture (gara nazionale juniores alla quinta edizione in programma nella prima settimana di Agosto 2024), è l’evento ciclistico più importante per la categoria master e cicloamatori organizzato dall’ASD Team Alto Bradano. L’appuntamento è per domenica 14 Luglio 2024 a Venosa (PZ) in Basilicata.

Venosa: uno dei borghi più belli d'Italia

Venosa è la patria del poeta latino Quinto Orazio Flacco e del madrigalista rinascimentale Carlo Gesualdo Di Venosa. Per conoscere ogni angolo di questo scrigno di arte, cultura e spiritualità bisogna portarsi fino all’area nord della Basilicata, nel cuore del Vulture Melfese.

Qui, su un altopiano compreso tra due valli e circondata da una rigogliosa vegetazione e numerose alture, Venosa si rivela in tutta la sua bellezza.

Un susseguirsi di gioielli artistici e architetture di pregio si possono ammirare sin da quando si fa ingresso nel paese, tra la chiesa della Trinità e l’annessa Incompiuta, luoghi sacri fortemente legati all’origine della dinastia normanna, il vicino Parco archeologico, finché si giunge nel cuore del suo centro storico dove domina il maestoso castello Pirro del Balzo, per poi scoprire, poco fuori dalla città le catacombe ebraiche in prossimità di quelle cristiane, dimostrazione della presenza di una consistente comunità ebraica tra il IV e il IX secolo.

Chi è l'ASD Alto Bradano

L'ASD Alto Bradano è una squadra ciclistica affiliata FCI con sede a Maschito (PZ). Il team è formato da un nutrito gruppo di ragazzi juniores ed allievi, ai quali è data la possibilità di competere a livello nazionale in gare di categoria tra centro e nord Italia, donando loro in comodato d’uso tutta l'attrezzatura necessaria per praticare questo sport, anche e soprattutto a coloro che vogliono farlo ma non ne hanno la possibilità economica. Da due anni partecipano anche al campionato italiano. Organizza già da 3 anni (quest'anno sarà la 4° edizione) il Trofeo dell’Aglianico del Vulture, uno dei pochissimi eventi per giovani ciclisti al sud Italia, palcoscenico che ha visto vincitore anche il professionista Alessandro Verre (attualmente al team B&B Hotel Arkea).
Per il contesto amatoriale, l'ASD Alto Bradano organizza la randonnée omonima, una ciclopedalata di 200Km che abbraccia tutti i paesi del bacino con partenza ed arrivo a Venosa.

Il programma della randonnée

Premessa: il 14 luglio sarà anche piena estate, ma dai una occhiata al road book del percorso lungo, ci sono ben 8 punti in cui potrai rifornirti di acqua e cibo con prodotti locali. Praticamente un punto di ristoro ogni 26Km circa più il pasta party finale, fantastico!

Dalle ore 7:00 fino alle 8:00, dalla Piazza Castello di Venosa, definito il salotto della Basilicata e sede della partenza del Giro d’Italia 2023, prenderà il via l’appuntamento cicloturistico che si snoderà in tutto il territorio dell’Alto Bradano attraverso due percorsi da 120 e 190Km con diverse altimetrie e, soprattutto, attraverso tanti punti di interesse storico, culturale e antropologico di un territorio incontaminato ricco di ruralità e tanta genuina enogastronomia.

Da Piazza Castello, dopo aver ammirato le bellezze del borgo medioevale, si abbandonerà Venosa in direzione Maschito percorrendo la ex SS 168 direzione Palazzo San Gervasio. Dall’incrocio di Cerentino si raggiungerà il comune “arbëreshë” dov’è previsto il primo break con caffè e colazione al Bar del Burbero, “caffè e cornetto” per proseguire in direzione Forenza, la cittadina che ha dato i natali all’iniziatore e primo Gran Maestro dei cavalieri Templari Ugo dei Pagani.

Panorami mozzafiato dai quali è possibile ammirare l’immensità del tavoliere pugliese, il mare, il Gargano e fontane sorgive per rifocillarsi e riempire le borracce. Qui, in Piazza R. Margherita, primo check point e ristoro con degustazione di prodotti tipici locali.

Venosa, veduta panoramica
Venosa, veduta panoramica

Terminato il “selfie time” si riparte in direzione Acerenza passando dal “Santuario del SS Crocifisso” meta di pellegrinaggio di camminatori per i partecipanti alla 200 Km ed in direzione Palazzo San Gervasio per chi decide di continuare con il percorso da 120 Km.

Arrivati ad Acerenza si raggiungerà la parte alta della città dov’è ubicata la Cattedrale di Santa Maria Assunta e San Canio, voluta da Roberto il Guiscardo nel 1059, qui secondo check point e piccolo ristoro al Bar della Cattedrale.

Da Acerenza si riparte in direzione Pietragalla, dopo una rinfrescante discesa fino alla diga ci si immette sulla Strada Statale 169 fino a raggiungere i “Palmenti di Pietragalla” ovvero il simbolo dell’architettura rupestre e della civiltà contadina lucana. Qui, terzo check point “selfie time” e ripartenza direzione Oppido Lucano dov’è previsto il secondo ristoro con degustazione di prodotti tipici locali nella Villa Comunale e rifornimento alla Fontana sorgiva di Piazza Demetrio Stratos.

Ripartendo da Oppido Lucano si prosegue il percorso verso Genzano di Lucania con sosta alla Fontana Cavallina per poi continuare verso la vicina Banzi, città citata nell’Ode III 13 dal poeta latino Orazio Flacco e suggestivo borgo medioevale.

Subito all’uscita di Banzi rifornimento alla “Fontana dei Monaci” e si prosegue in direzione Palazzo San Gervasio per altri 12 Km. Qui ci si ricongiunge con il percorso della ciclo pedalata dei 120 Km. Quarto check point nei pressi del Palatium Regium (Domus Federiciana o Castello Marchesale) rifornimento alla “Fontana Rotta” lungo la SP21 delle Murge direzione Montemilone.

Percorsi 11 km si giunge al Santuario della Madonna del Bosco, per poi proseguire verso il centro abitato dove in Piazza dei Caduti è previsto il quinto check point con il terzo punto ristoro, degustazione di prodotti tipici locali.

Da Montemilone, dopo un ulteriore rifornimento alla Fontana di Piazza dei Caduti si prosegue in direzione del Villaggio di Gaudiano percorrendo la strada che collega la SP Montemilone Venosa alla SP18 “Ofantina” attraverso la SP della Lupara. A Gaudiano è previsto il sesto check point ed una sosta al bar del borgo rurale con caffè per poi proseguire in direzione Lavello lungo la SS 93.

Superato il centro abitato di Lavello al Km 168 della Randonnée si raggiunge la diga della Rendina dopo una discesa esilarante, fresca e piuttosto piacevole. Da qui è possibile ammirare la bellezza e la sontuosità Monte Vulture e tutte le città alle sue pendici.

Al Km 175, all’incrocio con la SP 168, si prosegue verso Venosa percorrendo una parte del tracciato della Via Appia Antica inserito nell’Atlante dei Percorsi Storici Italiani e candidata per l’iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

Parco Archeologico di Venosa
Venosa, Parco Archeologico
(foto MiBACT)

A Venosa, in Piazza Castello, ultimo check point, “selfie time” fra i monumenti della città e pasta party per tutti i partecipanti alla passeggiata cicloturistica dell’Alto Bradano.

Esplora le bellezze naturalistiche e storiche della Basilicata con la Randonnée dell’Alto Bradano 2024

Il ricco pacco gara con prodotti locali e prodotti per l'integrazione sportiva WhySport è garantito solamente per i primi 100 iscritti. Le iscrizioni online termineranno il 12/07/2024.

Noi di KonosCycling saremo presenti con il nostro stand di biciclette, abbigliamento e integrazione sportiva in Piazza Castello, inoltre forniremo assistenza meccanica ai partenti. Per l'occasione, potrai prenotare il noleggio di biciclette gravel per partecipare all'evento oppure per esplorare Venosa e dintorni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più da KonosCycling

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continua a leggere