Novità SRAM: un pezzo della MTB scompare! 😱

Ai Campionati Mondiali UCI XC MTB di Agosto 2022 a Les Gets, sono stati visti in uso in gara, un nuovo disegno di deragliatore posteriore SRAM Eagle AXS a montaggio diretto e una nuova cassetta su diverse bici professionali.

Alla fine dell'evento c'è chi ha dato un'occhiata da vicino ai nuovi componenti ed ha raccolto molte foto di dettaglio. Queste foto rivelano nuovi dettagli (le quali creano più domande) sul prototipo di deragliatore, cassetta, catena e persino nuove corone del misuratore di potenza Quarq in un unico pezzo per pedivelle per mountain bike.

Misuratore di potenza Quarq Blackbox

Iniziando dalla parte anteriore della bici, i corridori del team Canyon (e la maggior parte degli altri atleti individuati con queste nuove parti) hanno utilizzato la corona Blackbox con misuratore di potenza Quarq integrato.

Misuratore di potenza Quarq Blackbox

A differenza dell'attuale offerta MTB che utilizza uno spider separato dotato di Quarq e una corona imbullonata, questa li combina. Il risultato è probabilmente una configurazione molto più rigida, forse più leggera, ma con la mancanza di buchi, è anche molto meno probabile che accumuli fango. Si pensa che, probabilmente, questo misuratore possa essere un po' più preciso.

I profili dei denti della corona stretta e larga qui sono diversi dagli attuali denti per mountain bike X-Sync, che hanno bordi quadrati e sono di uguale lunghezza.

Questi sono più rotondi, con i denti più larghi che sporgono ulteriormente, imitando le corone 1x offerte per le bici gravel e sono compatibili con le catene FlatTop. Questo potrebbe essere il modo in cui SRAM sta portando la catena FlatTop nelle sue trasmissioni per mountain bike, il che significa che potrebbe non avere nulla a che fare con la cassetta.

Si noti che sono supposizioni di chi ha scattato le foto, i prodotti avvistati erano ancora dei prototipi e SRAM non ha commentato di eventuali prodotti prima che vengano rilasciati.

Qui vediamo ancora un coperchio della batteria avvitato, quindi la batteria è sostituibile, ma resta da vedere se le corone lo saranno. L'ultimo gruppo Sram Red utilizza una combinazione di misuratore di potenza e corona monopezzo completamente integrata, che richiede l'acquisto di un'unità misuratore di potenza e corona completamente nuova quando le corone si consumano. Sembra costoso, ma Sram ha pensato di offrire un programma di riciclaggio del misuratore di potenza a fronte di uno sconto sul nuovo.

Questo ha meno senso su un sistema 1x in cui gli scambi di dimensioni della corona sono più comuni. Non visibile in foto, ci sono dei grafici su di essa che indicano una direzione di avvitamento, il che significa che la corona stessa potrebbe infilarsi sul corpo del misuratore di potenza. Speriamo bene, pare che il meccanico (si spera già di fiducia) diventerà il nostro miglior amico per questa operazione.

Misuratore di potenza Quarq Blackbox e catena

Per quanto riguarda la catena, si noti che i perni sono cavi e c'è un nuovo taglio sulle piastre esterne. Dicono XX, il che suggerisce che è puramente una parte per mountain bike, ma saremmo davvero sorpresi se non arrivasse anche un equivalente stradale.

Deragliatore posteriore SRAM Eagle a montaggio diretto

Questo deragliatore si monta direttamente sul telaio, dunque eliminando il forcellino. Un passaggio audace.  I vantaggi sono, presumibilmente, un telaio complessivo più rigido e resistente con un perfetto allineamento. Si dice che sia possibile strapazzare con forza il cambio a terra sotto il proprio peso senza che si verifichino anomalie di cambiata: sarà vero?

Deragliatore posteriore SRAM Eagle a montaggio diretto

La sezione superiore del deragliatore scorre sopra il forcellino, utilizzando (come minimo) l'asse passante posteriore per allinearlo e fissarlo alla bici.

Su questa bici, c'è un bullone aggiuntivo all'esterno, che probabilmente si inserisce nel deragliatore per catturarlo in modo che la rimozione dell'asse non permetta al deragliatore di scivolare via durante con la rimozione della ruota.

Deragliatore posteriore SRAM Eagle a montaggio diretto

Da notare il "distanziatore" argentato tra il telaio e la sezione di montaggio interna del deragliatore. La sua tacca è allineata con un segno sul deragliatore, suggerendo due cose:

  1. Che la sagomatura del dropout probabilmente posizioni il distanziatore all'angolo appropriato, creando un punto di riferimento.
  2. Che c'è un modo per allineare il deragliatore con esso.

In genere, quel tipo di regolazione rotazionale verrebbe eseguito con la vite B, ma non è visibile alcuna vite B, quindi potrebbero esserci altri mezzi per posizionarlo.

Oppure, potrebbe essere posizionato esclusivamente dalla forza di serraggio dell'installazione e il distanziatore funge da rondella, che consentirebbe al deragliatore di ruotare all'indietro con un forte impatto, quindi di essere semplicemente ruotato di nuovo in posizione. Questo ricorda il forcellino universale di Sram, il cosidetto UDH.

Deragliatore posteriore SRAM Eagle a montaggio diretto

La grande preoccupazione per un deragliatore a montaggio diretto è la sua durata e il costo di sostituzione rispetto a un forcellino economico. Ecco perché non sono preoccupato:

  • I graffi e le rigature su questa unità e sull'altra all'evento fotografico dell'atleta di Canyon suggeriscono che hanno subito a molti abusi.
  • La parte superiore del corpo che si attacca alla bici sembra molto robusta.
  • Si trova più avanti rispetto a un tipico deragliatore, contribuendo a proteggerlo.
  • È sagomato per far scivolare via gli impatti "laterali".
  • L'ingranaggio a strappo di Sram consente ai parallelogrammi di espandersi verso l'interno in caso di impatto, quindi tornare immediatamente in posizione ed è molto efficace.

Per quanto a Sram piaccia lanciare rapidamente nuovi prodotti, sembra altamente improbabile che rilasci una parte molto costosa che si danneggia facilmente.

Ecco una delle caratteristiche più misteriose... hai notato qualcosa di diverso nel Cage Lock?

Caratteristiche più misteriose nel Cage Lock

Un Cage Lock a due posizioni ha quello che sembra un flip chip. I segni A/B sulla piastra della gabbia della puleggia esterna potrebbero essere segni di allineamento per l'impostazione del deragliatore o per indicare in quale posizione deve trovarsi il perno.

L'ipotesi è che diversi design del telaio possano beneficiare di diverse posizioni dei perni per facilitare i cambi di ruota. Per quanto banale possa sembrare, è quello che incuriosisce di più.

La gabbia della puleggia sembra inclinarsi leggermente verso l'esterno, spostando la gabbia e la catena all'esterno, probabilmente per migliorare il gioco delle ruote e dei pneumatici.

Oppure, forse, si regolerà l'inclinazione per migliorare la linea della catena con la corona, ma con il loro movimento a parallelogramma orizzontale sul deragliatore, questo sembra meno probabile.

Bluetooth e ANT+

Bluetooth e ANT+ significano che probabilmente condividerà i dati sulla selezione delle marce con unità principali compatibili. L'adesivo n. 9 corrisponde a un adesivo simile sulla cassetta, probabilmente è stato assegnato per atleta in modo che possano controllare l'usura dopo la stagione.

pulegge sovradimensionate Sram

Si ipotizza che presto ci saranno gabbie per pulegge sovradimensionate aftermarket per questo, ma SRAM ti dà meno motivi per volerle. Questo modello ha un numero maggiore di denti della puleggia 12/14 (superiore/inferiore), rispetto ai 10/12 degli attuali deragliatori Eagle AXS.

Anche la puleggia inferiore sembra avere un corpo in metallo con denti compositi a basso attrito. Scommettiamo sui cuscinetti in ceramica per l'XX1.

Cassetta SRAM Eagle SL

La nuova cassetta sembra essere la cassetta Eagle SL. Abbiamo scoperto scoperto che i tre ingranaggi più grandi sono diversi dall'attuale modello 10-52.

Cassetta SRAM Eagle SL

Questo è ancora un 10-52 con una gamma del 520%, ma gli ingranaggi più grandi ora sono 32/38/44/52 (rispetto all'attuale 32/36/42/52). Questo dà loro un passo di marcia complessivo più vicino in quella gamma e rende le cose un po 'più facile senza dover cambiare ulteriormente.

La costruzione fonde l'X-Dome in acciaio lavorato delle attuali cassette XX1/XO1 (ingranaggi 1-9) con la costruzione rivettata della cassetta GX per i tre ingranaggi più grandi... tranne che lo fa in modo diverso.

Laddove le cassette GX fissano ogni ingranaggio a quello dietro di esso, questa cassetta Eagle SL fissa il gruppo inferiore in acciaio e gli ingranaggi n. 10 e n. 11 direttamente alla piastra posteriore, che è anche l'ingranaggio a 52 denti n.

Ciò consente agli ingranaggi n. 10 e n. …da qui (presumibilmente) il soprannome “SL”.

Cassetta SRAM Eagle SL

La faccia esterna di ciascun ingranaggio è liscia, ma le parti posteriori hanno sagomature e supporti aggiuntivi per la catena. Oh, e quella cosa rossa...

Cassetta SRAM Eagle SL

Quando SRAM ha presentato le sue cassette da strada lavorate in un unico pezzo X-Dome, ha aggiunto anelli di gomma tra gli ingranaggi per ridurre il rumore. Non si può negare che le cassette cave e lavorate di SRAM possono essere rumorose sotto sforzi pesanti, quindi la l'impressione è che questa punta di elastomero rosso sia qui per smorzare le vibrazioni e il rumore.

Quando sarà prodotto in serie?

SRAM non ha fiatato per mesi. Probabilmente, nelle ultime settimane, hai visto in giro nei negozi delle Mystery Box con il logo SRAM: che abbia a che fare con questo prototipo avvistato tempo fa? Oppure si tratta di un nuovo prodotto strada/gravel, come il Gruppo SRAM Force AXS da strada e gravel lanciato ad inizio marzo 2023?

Aggiornamento

Pare che le novità non finiscano qui, all'orizzonte c'è una rivelazione importante da parte di Sram. Dal seguente video potrai assistere alla première di MtbCult.it: appuntamento qui al 21 marzo, ore 15:00.

Cosa ne pensi? Scrivi nei commenti.


Potresti essere interessato a:


Fonte

Scopri di più da KonosCycling

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continua a leggere

Accedi ai SALDI PRIVATI
🚚 Spedizione Veloce €4,99 🎁